Scienza 2.0

Oggi vi voglio parlare di uno dei miei programmi preferiti, l’ormai mitico Voyager. In questo programma il prode conduttore (Giacobbo per gli scettici, Roberto per noi fans) cerca di sollevare il velo che copre molti aspetti poco chiari della Scienza moderna. E come posso io, Ippaso, un Prometeo che tenta di sradicare l’ignoranza degli uomini, non sentirmi affine a quest’uomo, che sfida anch’egli gli dei detentori della presunta conoscenza, gli Scienziati, scatenandone l’ira? Un uomo che sfida a tal punto la Scienza da osare minarne le basi, rappresentate dall’ormai obsoleto metodo scientifico, formalizzato fin troppi secoli fa dal non tanto telegenico Galileo, formalizzando un nuovo metodo di ricerca della verità, utilizzato con successo anche per le migliori teorie complottistiche, che in onore al genio di tutta la redazione del programma chiamerei metodo Voyager.

Difatti il farraginoso metodo scientifico dice, molto semplicemente, che

un’affermazione è vera perché ne dimostro la verità

mentre il frizzante ed innovativo metodo Voyager dice che

un’affermazione è vera perché non potete dimostrarne la falsità

E’ evidente la portata di questa innovazione, paragonabile al web 2.0: col metodo scientifico solo pochi eletti, gli Scienziati, potevano fare affermazioni. Solo loro erano in grado di dimostrarne la verità, mentre col metodo voyager chiunque può fare la propria affermazione, contribuendo all’evoluzione della conoscenza. Ora sta agli altri la parte noiosa, la dimostrazione della falsità di quanto affermato. Inoltre, il metodo scientifico non lascia spazio a discussioni, mettendo sul banco una verità non più modificabile. Il metodo Voyager invece permette ad ognuno di prendere le affermazioni degli altri e di confutarle od ampliarle, permettendo un utile scambio di idee tra liberi pensatori, impossibile da pensare nel chiuso metodo scientifico.

Ovviamente è stata la rete, cui il metodo si ispira, la più veloce a recepire le sue enormi potenzialità. Si sono così creati innumerevoli siti pieni di idee a cui credere senza alcuno sfozo, di cui poter discutere senza cognizione di causa (alla faccia dei parrucconi rinchiusi nei loro castelli universitari), e a creare dei veri e propri tributi alla trasmissione che ha dato dignità al nuovo metodo, attraverso video su youtube. Tra questi, io, umile Ippaso, ho scelto i due a mio avviso più significativi, e ve li propongo qui sotto.

Un mistero. Di più non posso dirvi.

Il secondo mistero. Ce ne sarà un terzo? Mistero.

Come prassi del metodo Voyager, mi auguro che le idee ivi contenute possano scatenare la vostra fame di verità, ed alimentare un proficuo dibattito, che non ho paura di ospitare in questo blog.

Annunci

11 Risposte

  1. Oh finalmente ti sei deciso a fare un post su voyager!!! Le nostre proficue discussioni su questa meraviglia finalmente ti hanno ispirato! Ora la smetterò di molestarti giorno e notte (lo farò solo di giorno)!
    però… mi sembra che stai leggermente pigliando per i fondelli il mitico Roberto Giacobbo! Non osare sai!

    prendo subito spunto dal superbo metodo voyager:

    ippaso è un alieno al soldo dei templari, tiene nascosto il santo graal nelle mutande e ha messo incinta una gorilla che ha partorito una stirpe di demoni-capra che stanno manipolando obama per conquistare l’ecuador.

    e mo’ dimostra che è falso! per dimostrare che non nascondi il santo graal non ti resta che farci vedere cosa tieni nelle mutande… sì sono un feticista!

  2. Ippaso,
    mi ricordi quelle mie amiche,
    quelle che si vedono tutte le puntate di Maria de Filippi,
    ma dico proprio tutte,
    e dicono sempre
    che la guardano solo per farsi due risate.
    Non voglio dire che ci credano a quelle cose,
    ma forse sì.
    Ippaso,
    la verità è che neanche tu sai resistere
    al fascino sottile e discreto di quell’uomo intrigante.

  3. questa sì che è scienza, grazie Ippaso!

  4. “un’affermazione è vera perché non potete dimostrarne la falsità” mi sa tanto che a questa regola, furbescamente, si attiene gran parte dell’umana gente, da sempre 😀

  5. @ippaso. Beh che differenze c’è fra credere che il mondo finirà nel 2012 perché lo han previsto i Maya (che è una bufala) o a vergini partorienti e serpenti parlanti?

    Giacobbo mostra delle robe assurde spacciandole, mai direttamente e qui è un genio come i religiosi, per vere mettendo però l’1% di spiegazione alla fine.

    Per esempio, mi pare, che quella dei Maya l’abbia data la spiegazione ma non facendola intendere come bufala ma come teoria plausibile come la balla che racconta (oh ci ha scritto anche un libro!!!)

    Quindi ti da un sacco di informazioni inutili (oh c’è gente che ci crede sul serio che il mondo finisce nel 2012 -_-) e poi anche da anche la versione razionale…

    PS che il mondo stia per finire è vero ma non di certo perché lo ha deciso dio o altri per noi. Siamo noi che inquiniamo il mondo e ci uccidiamo fra di noi (qui ci vorrebbe la bestemmia ma non la metto perché non è il mio blog)

  6. Caro Ippaso,
    credo tu e Voyager abbia fatto la scoperta dell’acqua calda.
    Il metodo scientifico vero sta appunto nel poter dimostrare sia la verità che la falsità di un’affermazione.
    Problema che Voyager si basa sull’esposizione superficiale e ad effetto di una notizia.
    Sta al telespettatore più avveduto ed informato stabilire se essa sia o no la risaputa leggenda metropolitana.
    Meglio non parlare di Scienza se non ci si sta dentro. Thanx

    • Effettivamente Ippaso e’ un uomo di Scienza. Certo, visto che e’ vissuto duemila anni fa non puoi pretendere che conosca i metodi scientifici odierni: come si faceva al suo tempo, si basa su quello che vede. E quello che vede e’ l’alba di una nuova era Scientifica, fatta di tante parole e pochi fatti…

    • Non ho capito chi è che ha fatto la scoperta dell’acqua calda, Ippaso o Voyager? Ippa’ se sei stato tu andiamo all’ufficio brevetti che lo registriamo e ci facciamo i soldi! Con l’acqua calda potrei anche farmi la doccia d’inverno!

  7. Ippaso è stato creato in laboratorio da un incrocio tra criceti mannari, lucertole assasine e scrofe vergini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: