We all kiss panties

erlusconi e le mutandine da donna

E’ uno strano piacere quello provocato da una mutandina femminile, difficile da spiegare. Tutti ne siamo un po’ affascinati, dobbiamo ammetterlo. Le nostre mutande sono brutte, con un mollone antiestetico e il pacco in bella vista, con i pelazzi che fan capolino, blahhhhhhh…

Le mutandine delle donne invece sono un’altra cosa. Non posso non tirare un sospiro da innamorato pensando a loro. Ma poi basta, mi fermo qui. Mi piace scherzare sul mio blog ma mica sono un pervertito, io.

La perversione mutandofila è tremenda. Chi ne è affetto può perdere il senso della realtà in qualunque momento e iniziare a sognare perizomini rosa. Non si può scherzare con i perizomini rosa: quando ti catturano sei fritto. Ti alieni dal resto del mondo con la bava alla bocca. Può accadere mentre studi, mentre guidi, mentre fai la doccia (e il flessibile diventa all’improvviso inflessibile), può accadere ovunque… addirittura a Bruxelles mentre parli dell’imminente summit di Copenhagen con Gordon Brown, Sarkozy e compagnia bella.

Immaginatelo, il mutandofilo. Tutti son lì a discutere di ghiacciai, temperature che si alzano, fiumi che si inquinano, e lui è lì, apparentemente concentrato su un foglio. Sembra che stia trovando la soluzione a tutti i problemi. Intanto gli altri snocciolano temi come le emissioni di polveri sottili, l’estinzione dei panda, e lui lì intento sul foglio. Nessuno lo disturba, chissà quale idea geniale sta per partorire.

E poi eccolo, lo posso già vedere che sorride, si guarda attorno con aria soddisfatta e malandrina, dà una gomitata di complicità al vicino e gli dice con accento maccheronico: “Look and pass to the others”. In pochi minuti il foglio ha fatto il giro della sala.

C’è un titolo: Mutande femminili nel corso della storia.

E poi ci sono bozzetti, in ordine cronologico. Ci sono i mutandoni delle donne egiziane, le mutande vittoriane, gli slip francesi in seta.. fino agli odierni tanga e i g-string (ma che cazzo sono?).

Non stava risolvendo i problemi del mondo, stava solo disegnando mutande da donna, dimostrando tra l’altro una discreta perizia. Ed era lì l’autore, Silvio Berlusconi, soddisfatto dalle risate dei colleghi.

La notizia è passata inosservata in Italia. Ma il giorno dopo un tizio, un certo Tartaglia, ha rifilato un cazzotto (o una statua in faccia, non saprei) al Premier. Che non sia il marito di una delle proprietarie delle mutandine?

Annunci

4 Risposte

  1. caro ippaso, io odio larepubblica.it la odio la odio e la odio, son dei buffoni e inventano un sacco di minchiate (no, non sono di destra) come osi linkare quel sito? :D.
    cmq chi sa se è vero… nel resto del mondo si parla di “rumors”, ma vorrei tanto avere gli sketches di quelle mutande 😀

  2. che schifosi pervertiti ‘sti mutandofili… vabbè devo confessare che al liceo anch’io mi dilettavo in questo genere di performance artistiche e anch’io non resistevo al desiderio di condividere le mie opere d’arte che facevano così il giro della classe… però ero un adolescente, un ormone che camminava e in classe non si doveva discutere di come salvare il mondo… uhhhhhhhhh ippaso grazie a questo tuffo nel passato mi è tornata in mente una lezione di biologia che mi lasciò perplesso per molto molto tempo: si parlava di muscoli volontari e involontari. Il pene fu catalogato con sicurezza dalla mia prof. tra i muscoli involontari. Non ebbi il coraggio di controbattere. Ma ritengo che la discussione non sia così semplice. Non potresti illuminarmi tu dall’alto della tua Sapienza? Potresti sottoporre alla tua equipe di Ricercatori questo nuovo progetto!

  3. A me al contrario di quello che dite le mutande che porto mi piaciono, le uso solo a fantasia colorate, maggiormentea righe colorate sempre colori vivaci con l’elastico a vista e il bordino colorato.
    Non sopporto i boxer e le mutande monocolore come le usano adesso nere, bianche, ecc.

    • Una descrizione davvero dettagliata!
      Invece io ti confesso che del colore e del modello non mi importa molto… l’importante è che siano larghe (specialmente l’elastico).
      Ciao e grazie per il commento allegro! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: