l’undicesimo fiume al mondo

Prima è arrivato l’uomo sulle coste del Mekong, ed è scomparsa gran parte della fauna.
Poi sono arrivate le fabbriche, i detriti, i rifiuti tossici, ed è scomparsa gran parte della vegetazione.
Infine sono arrivate le centrali idroelettriche, ed è scomparsa anche gran parte dell’acqua.

Un disastro ecologico enorme. Senza quell’acqua non sopravvive nulla: né la fauna, né la flora, né il fiume stesso… né l’uomo. La siccità miete moltissime vittime nella zona.

Ora si vuole correre al riparo. La Cina ha dichiarato che salverà il fiume inseminando le nuvole e provocando piogge controllate.

E lasciarlo un po’ in pace, sto fiume?


foto ANSA

Annunci

3 Risposte

  1. Avanti di questo passo, non so dove si possa arrivare. Ogni tanto la natura si ribella, cerca di risistemare le cose, ma i danni e le ferite che le infligge l’uomo sono troppi. E’ vero, sarebbe bene lasciare un po’ in pace, non solo l’undicesimo fiume, ma tutto ciò che è natura e che ci consente di vivere.
    Ciao , ippaso, Auguri!

    • La foto del fiume mi ha lasciato a bocca… asciut… mmmh a bocca aperta.

      Secondo me i governi non prendono tanto sul serio la parola “pubblico”. Fan finta che sia sinonimo di “appartenente allo Stato”, e la cosa mi fa incacchiare.

  2. che divertimento ci sarebbe se lo lasciassimo stare?
    piove sempre sul bagnato. e non sul mekong.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: