40 anni fa: la rivolta di Reggio Calabria

Iniziamo con una domanda. Qual è il capoluogo della Regione Calabria?

Risposta: Catanzaro, ma il Consiglio si riunisce a Reggio.

E perché?

Cosa accadde nel Luglio del ’70 a Reggio? Un evento della storia italiana nascosto sotto al tappeto: La rivolta di Reggio Calabria.

Nel luglio del ’70 viene assegnato a Catanzaro il titolo di Capoluogo di Regione. E Reggio insorge. Una rivolta scoppiata il 10 luglio e durata otto mesi. 5 morti, 2000 feriti, 800 arresti. Porti, aeroporti, strade, ferrovie, banche, poste, tutto bloccato. Viene incendiata una caserma, una autocolonna di militari attaccata con le molotov. Guerra, insomma. Arrivano anche i carri armati.

Partiti e sindacati si fanno da parte, la gente li sconfessa. Vengono nominati tre capi della rivolta: il sindacalista Ciccio Franco, l’ex comandante partigiano Alfredo Perna, e Demetrio Mauro (quello del caffè). Sciopero totale, selvaggio ed a oltranza.

La rivolta prende presto una piega di estrema destra, non di rado si canta Boia chi molla e altri slogan di stampo fascista. Si sospetta un tentativo di golpe. Eppure Saragat si dichiarerà solidale con la rivolta. Non è un golpe fascista, secondo lui, ma è uno sfogo di gente che si sente esclusa dal progresso e dalla vita pubblica italiana.

La politica raggiungerà dopo 8 mesi di guerriglia (quando ormai anche la gente non ne poteva più) un compromesso: Catanzaro e Reggio si divideranno i compiti, e Reggio avrà delle nuove fabbriche, che garantiranno 10mila posti di lavoro.

Per la costruzione delle fabbriche inizierà uno scempio ecologico allucinante, che poi non porterà a nulla (le fabbriche non sarebbero mai entrate in funzione). Intanto i costi per la Regione aumentano a dismisura. Tanto che ancora oggi la Calabria paga questa scelta.

Video su youtube

Annunci

2 Risposte

  1. Che stuppa questa si che è una bella rivolta. Com’è che la gente la sentiva così tanto? E tu dove l’hai scoperto?
    Che stuppa i nostri bavagli!

    • Boh! Non so… son quelle cose che si sleggiucchiano di qua e di là e tornano alla mente nel momento giusto. I miei genitori neanche si ricordano di questo fatto. A quanto pare i TG e i giornali dell’epoca tentarono di sminuire il più possibile l’accaduto, tanto che la memoria storica italiana (che non è affidata ai racconti tramandati, ma ad un sommario resoconto fatto dai media) ha rimosso il tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: