Cosa è cambiato?

Una settimana senza informazioni. Cosa è successo nel frattempo? Ora vado sull’ANSA a vedere come è cambiata l’Italia.

Sport (ovviamente calcio).

Ci va la tessera del tifoso. Ovviamente la gente normale come me pensa che non ne vale la pena… tutta questa burocrazia per andare allo stadio? Non vado più allo stadio. E così le famigliuole e i ragazzini. Inoltre le squadre sono in ritardo nell’emissione delle tessere. Da oggi alle partite ci andranno solo più gli scalmanati… più incazzati che mai. Nei bar i vecchi, i settantenni col grappino il bastone e l’aria di chi ne ha passate tante, azzarda che si tratti di una manovra per favorire TV private. Chissà…

Nella foto (ANSA) potete ammirare la reazione dei tifosi dell’Atalanta alla tessera del tifoso.

Lavoro.

Tremonti: Dobbiamo rinunciare ad una quantità di regole inutili: siamo in un mondo dove tutto è vietato tranne quello che è concesso dallo Stato. robe come la 626 (la legge sulla sicurezza sul lavoro) sono un lusso che non possiamo permetterci. Sono l’Unione europea e l’Italia che si devono adeguare al mondo.

Questa dichiarazione è nella scia di una vecchia affermazione di Berlusconi secondo la quale un imprenditore dovrebbe poter fare tutto quello che la legge non gli vieta esplicitamente. Insomma… imprenditoria creativa. E la 626 è un enorme ostacolo alla creatività.

Nel frattempo, 3 operai sono morti in Puglia cadendo in una cisterna. Nel silenzio assordante delle istituzioni.

Giustizia.

Bomba contro la casa del PG di Reggio. Alfano non spreca l’occasione per vantarsi:

Lo Stato è vicino al procuratore generale Di Landro e a tutta la magistratura reggina. Frase di circostanza… e poi l’affondo: Questo ultimo ennesimo vile atto intimidatorio conferma la bontà dell’impegno finora profuso nel contrasto all’ndrangheta, ma ci impone di mantenere alto il livello di guardia.

Insomma, il fatto che la ndrangheta piazzi di nuovo le bombe è un ottimo segno. Ma non dobbiamo dormire sugli allori e continuare lo stesso a stare in guardia.

Politica.

Niente di nuovo. Alleanze, accordi, grandi intese, piccole intese, voto anticipato. Prima di partire avevo fatto un video (mal riuscito per la verità) su youtube con Fini e la canzone di Bennato “La frittata è fatta” (vi consiglio di leggere-ascoltare il testo).

Ora invece leggo le dichiarazioni di Bocchino:

Le parole di Bossi sul voto anticipato sono più che condivisibili, non c’è ragione di andare alle elezioni anticipate. La maggioranza ha gli stessi voti della prima fiducia, solo che ora i soggetti che la formano non sono più tre ma quattro: Pdl, Fli, Lega e Mpa. […] Noi garantiamo la nostra fiducia sul programma di governo fino all’ultimo giorno di legislatura.

Ora dovrei creare un video, sempre sullo stesso argomento, ma con sottofondo “In nome del popolo italiano” (stesso album del precedente brano). Tanto avevo già intenzione di farlo.

La bufera è passata
ogni cosa è al suo posto
festeggiamo l’estate
e il sole di agosto
tutti insieme compatti
da Pontida ad Arzano
tutti insieme felici in nome
del popolo italiano!

Annunci

2 Risposte

  1. Per la serie se uno già torna dalla vacanza con la nostalgia dei luoghi che ha lasciato, figurati dopo aver letto le novità!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: