Istruzioni per i lettori di giornali

Mi ero ripromesso di conservare questa illuminante poesia per qualche evento particolare. E’ una poesia che ci consiglia di non abbassare mai la guardia davanti alle notizie. In questi giorni però la campagna mediatica per le amministrative è stata così forte e così meschina da avermi fatto tornare in mente le parole di HORST BIENEK così tante volte da costringermi a scriverle.

Istruzioni per i lettori di giornali

I
Verificate ogni parola
verificate ogni riga
non dimenticate mai
con una tesi
è possibile
esprimere anche l’antitesi

II
Diffidate dei titoli
scritti in grassetto
nascondono le cose più importanti
diffidate degli articoli di fondo
delle inserzioni
delle quotazioni
delle lettere al direttore
e delle interviste di fine settimana
anche i sondaggi di opinione
sono manipolati
le notizie varie escogitate
da redattori furbetti
diffidate della terza pagina
delle critiche teatrali i libri
per lo più sono migliori dei loro recensori
leggete quello che loro hanno sottaciuto
diffidate anche dei poeti
in loro tutto suona
più bello anche più atemporale
ma non è più vero né più giusto

III
Non prelevate niente senza averlo verificato
né le parole né le cose
né il conto e neppure la bicicletta
né il latte e neppure l’aragosta
né l’uva e neppure la neve
afferratelo, assaggiatelo, rigiratelo da tutte le parti
mettetevelo tra i denti come una moneta
resiste? ne siete contenti?

IV
Il fuoco è ancora fuoco e il fogliame ancora fogliame
l’aereo è aereo e la rivolta rivolta
una rosa è ancora una rosa?

Non smettete mai
di diffidare dei vostri giornali
anche quando cambiano i redattori
o i governi

Annunci

10 Risposte

  1. Caro ippaso la pubblicità o “falsità” sono l’anima del commercio.
    ciao buona domenica. 🙂

  2. po’ come dire… che le notizie non vanno lette ma vanno interpretate… 🙂

    baci

  3. Concordo coi vostri commenti! 😀

    La parte secondo me più forte della poesia è la IV.
    “Anche quando cambiano i governi”.
    Non dobbiamo mai abbassare la guardia, anche quando ci pare che le elezioni siano andate “bene”.

    P.S.
    Purtroppo la poesia originale aveva dei rientri del testo che non ho messo, infastidito com’ero dal nuovo editor di wordpress (mi riferisco a quello che permette di immettere codice HTML).

  4. Se non ci si ricama un po’ su, mica si vendono i giornali.
    Credo sia stato sempre così. E questo lo si può anche capire.

    Ma tra propaganda e bugie temo che sia il lettore a dover tirare le conseguenze e a smettere di credere a tutto quello che viene detto.
    Difficile farlo, soprattutto se i bugiardi sono molto abili.
    Ciao ippaso.

    • Sì, sta a noi capire quale sia la verità nascosta dalle parole dei giornali, anche se non sempre abbiamo le informazioni per farlo… (vedi ad esempio in ambito internazionale, Libia, Bin Laden, …).

      Ciao!

  5. L’approccio empirico vi seppellirà… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: