Piccolo esercizio di libertà.

Ecco come la Repubblica Democratica Popolare di Corea ha accolto la morte del proprio Presidente Kim Jong Il:

Tutto questo accade in un Paese che noi vediamo essere sotto dittatura, ma che ufficialmente si pone come Democratico (e Comunista).

Non dobbiamo assolutamente guardare con superiorità questi coreani con il cervello lavato, pensando che si tratti di problemi che non ci riguardano perché relativi solo alle dittature. Pensiamo alle parole di Gobetti:

Il contrasto vero dei tempi nuovi come delle vecchie tradizioni non è tra dittatura e libertà, ma tra libertà e unanimità.

Ecco, ora, per evitare di liquidare il video con la convinzione di essere immuni da tutto ciò, chiediamoci se anche noi, nel nostro democratico mondo Occidentale (nel nostro modo di vestire, di parlare, di organizzare la giornata, nelle TV, nei giornali, …), riconosciamo – anche solo in maniera sfumata – il seme già germogliante di questa perversa unanimità.

Annunci

11 Risposte

  1. Io credo che in un paese dove non esiste libertà, dove non esiste informazione, come la Corea del Nord, sia difficile capire cosa succede in un popolo quando muore un dittatore. Piangono come a suo tempo piansero i sovietici per la morte di Stalin.
    Il tutto sta a capire se quel pianto è un pianto di libertà o di umanità. Di libertà non credo, mi sembra un pianto collettivo imposto, di umanità forse, perdere qualcuno che ha sempre comandato può a volte suscitare disperazione. Come perdere un genitore.
    E poi fa paura anche il futuro.Ciao ippaso, un abbraccio e carissimi auguri di Buon Anno. Arrivederci a dopo le “vacanze”..

    • E’ davvero difficile capire cosa accade laggiù.
      Di sicuro il desiderio di libertà è ancora vivo in molti, e prima o poi uscirà fuori. Nel frattempo però le resistenze mentali della gente calano, e le masse si lasciano plasmare secondo i desideri dei “cari leader” o “piccoli generali” vari.

      Ciao buon Natale!

  2. Credo che la libertà sia relativa… ammesso che esista…
    Comunque… buon Natale! 😉

  3. Anche BOB MARLEY cantava libertà nelle sue canzoni speriamo e c’è riuscito,mi auguro che succeda anche in Corea del nord.
    Ciao Ippaso AUGURI.:)

  4. La faccina non è venuta adesso riprovo 🙂 🙂 🙂

  5. Buon 2012!!! ^_^

  6. Ciao Ippaso! Che bello rileggerti, buon anno! 🙂

  7. Forza ippaso, fatti vivo.
    Un abbraccio.

  8. Ciao buon anno a voi!
    Ci sono ancora, non vi preoccupate! 🙂 Mi son goduto qualche giorno lontano da PC. 😛

    A presto, pian piano recupero le letture dei post dei vostri blog che mi son perso.

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: