7000000000

Digitando su Mathematica

ListLinePlot[{{-10000, 1000}, {-9000, 3000}, {-8000, 5000}, {-7000,
7000}, {-6000, 10000}, {-5000, 15000}, {-4000, 20000}, {-3000,
25000}, {-2000, 35000}, {-1000, 50000}, {-500, 100000}, {1,
200000}, {1000, 310000}, {1750, 791000}, {1800, 978000}, {1850,
1262000}, {1900, 1650000}, {1950, 2518629}, {1955, 2755823}, {1960,
2981659}, {1965, 3334874}, {1970, 3692492}, {1975,
4068109}, {1980, 4434682}, {1985, 4830979}, {1990, 5263593}, {1995,
5674380}, {2000, 6070581}, {2005, 6453628}, {2010, 6891008}}]

quel che ne esce fuori è un bellissimo grafico (le x indicano gli anni, le y le migliaia di esseri umani sulla faccia della Terra):


Mi fa venire in mente eventi tipo carica/scarica elettrica (anche se l’andamento grafico è differente). Dapprima la curva dell’elettricità accumulata sale sale sale: l’oggetto sembra potersi caricare di energia all’infinito. Poi all’improvviso la salita si spezza senza alcun preavviso, e si abbatte: è la scarica.

Un evento improvviso e “catastrofico” riporta l’oggetto a livelli sostenibili di carica elettrica.

Se ci pensate bene è un processo abbastanza comune: restando vicini a noi anche la rabbia funziona così, uno accumula accumula accumula e poi sbrocca tutt’una volta. Vabbè, ora non c’è bisogno di arrabattarsi a fare un elenco di paralleli ragionevoli né di rendere più esplicito di così il paragone, iniziando a profetizzare guerre nucleari e apocalissi per l’umanità. Tanto avete già colto il nocciuolo.

Non mi resta che far gli auguri alla settemiliardesima nata al mondo (forse indiana, forse filippata, forse non è ancora nata ma manca poco) e segnalarvi un giochetto della BBC. Su questa pagina trovate un calcolatore in grado di dirvi che “numero eravate” quando siete nati, con un piccolo e ovvio margine di errore. Io l’ho provato e mi ha fatto un pochetto impressione… vabbè… provateci anche voi… buon divertimento!

Annunci

The italian style!

Ecco pubblicato in corsivo il Capo I dell’accordo Italia-Libia. Noi abbiamo firmato accordi ben precisi con la Libia e ora li stiamo tradendo.

Nell’accordo l’Italia garantisce alla Libia il diritto di sviluppare liberamente il proprio sistema politico (ovvero dà una specie di benedizione a Gheddafi), e assicura che non attaccherà la Libia né metterà a disposizione i propri territori per atti ostili contro di essa. Anzi, addirittura l’Italia si astiene da ogni ingerenza.

Io trovo che l’Italia si sia comportata in modo vergognoso. Firmare trattati del genere con persone come Gheddafi rivela tutta la meschinità della nostra politica… Chiaramente il nostro accordo era falsissimo: lo si sapeva che, prima o poi, il trattato lo avremmo violato (come si fa ad assicurare certe cose ad un dittatore?).

L’imbarazzo italiano nelle vicende di questi ultimi giorni è evidente… e del resto questi comportamenti non ci fan certo fare buona figura con gli altri nostri alleati.

Ecco il testo, vi ho evidenziato in grassetto i punti che vorrei che leggeste:

Continua a leggere

L’amore der gatto (Trilussa).

Un povero Miciotto,
innammorato cotto
d'una Gattina nera,
je disse: - Verso sera
venite in pizzo ar tetto,
v'ho da parlà: v'aspetto. -
La Gatta, che ciaveva
'na certa simpatia,
disse: - Verrò da voi
doppo l'avemmaria:
ma...resti fra de noi!
Bisognerà sta' attenta
che l'omo nun ce veda,
che l'omo nun ce senta! -
Sì! fate presto a dillo!
je disse allora er Gatto. -
Io quanno fo l'amore
nun posso sta' tranquillo.
Piagno, me lagno, strillo:
sgnavolo come un matto,
soffio, divento un diavolo!
Nel lamentamme pare
che soffro...e invece godo.
Voi me direte: - è un modo
tutto particolare...-
Ma er fiotto der piacere
che ce viè su dar core
nun è forse compagno
a quello der dolore?
Tutta la vita è un lagno!
In quanto a le persone
che ce vedranno assieme
nun me ne preme gnente;
io ciò 'na posizzione
libbera, indipennente...
Se incontro quarche gatta
eguale a voi, carina,
simpatica, ben fatta,
la fermo e se combina.
L'omo, naturarmente,
lo fa nascostamente;
ma no pe' la morale:
p'er Codice Penale!

Parola d’ordine?

Il newyorkese Time Magazine ha redatto 50 “top ten” del 2010. Sono rimasto putrefatto quando son giunto alle 10 top buzzworlds of the year (le 10 principali parole d’ordine dell’anno). Non tanto per la prima posizione (giustamente assegnata a “Vuvuzela“)… quanto per la decima:

Bunga Bunga!

Continua a leggere

Ci sono Regioni che pagano più di quanto ricevono? Chi? Che cosa? Come?

Bertrand Russell propone che le scuole elementari insegnino l’arte di leggere con incredulità i giornali. Penso che tale disciplina socratica non sarebbe inutile. Delle persone che conosco, ben poche la compitano appena. Si lasciano ingannare da articoli tipografici o sintattici; pensano che un fatto sia accaduto perché è stampato in grandi lettere nere; confondono la verità col “corpo dodici”.

Ho estratto da “Altre Inquisizioni” di Borges questa citazione, e lui a sua volta si è basato sulla selezione di saggi di B.R. intitolata Let The People Think, e in particolare sull’articolo Free thoughts and official propaganda. Berlusconi in questi giorni sta invece consigliando di non leggere i giornali, perché a suo dire mentono (ecco la dichiarazione dalla sua viva voce su youtube).

La differenza tra le due posizioni è abissale, a partire dalle motivazioni che le muovono. Il primo vuole che lo Stato renda gli uomini immuni dai sofismi (come è riportato nell’opera stessa) e che si permetta agli uomini di pensare liberamente, il secondo vuole tappare le orecchie e gli occhi agli abitanti del reame.

Borges porta anche degli esempi in difesa della teoria di Russell. Tra i vari punti che mi han fatto spalancare di più gli occhi c’è questo:

… Esercitano una specie di magia, pensano che formulare un timore sia collaborare con il nemico.

Mi viene in mente Saviano accusato di fare il gioco della mafia, chi parla di crisi di fare il gioco della crisi, …

Ma torniamo a noi (sto seguendo una strada con troppe curve):

Oggi era scritto a caratteri cubitali su vari quotidiani che ci sono Regioni che pagano più di quanto ricevono. Eccola! Se siete d’accordo, se vi siete fatti convincere da questo titolo e pensate di essere di fronte a una ingiustizia, vi prego di leggere il seguito.

Continua a leggere

Lo stavamo aspettando

Dopo molta attesa è finalmente uscito il film film che tutti aspettavano (non è Harry Potter)

La trama è semplice ed il finale scontato.

Bazinga!

Bazinga è l’esclamazione di Sheldon Cooper, personaggio della sitcom americana Big Bang Theory, utilizza alla fine di ogni suo scherzo.

Ho passato le ultime due settimane guardando tutte le puntate fino alle terza serie. Tra poco inizierò la quarta son sottotitoli in italiano.

Ho trovato una critica molto negativa sul telefilm che condivido ma che approfondisco. In generale il telefilm lo trovo molto gradevole.

Punti positivi:

-divertente;
-sheldon è fantastico;
-riferimenti alla fisica e al mondo della scienza;
-mostra molto bene uno stile di vita (Americano);
-invenzioni ed esperimenti molto divertenti;
-c’è Sheldon;

Punti negativi:
-le risata artificiali sono insopportabili;
-è pieno di stereotipi;
-è mero intrattenimento;
-è pienamente nel sistema;
-le risate artificiali inducono risate che non hanno a che fare con le battute, sono una cosa subdola e nazista;
-non si riesce a capire se Penny è una biondona tettona o biondina carina;
-non si vedono le scene di sesso.

Tra le 3 serie viste la migliore è la prima in cui nascono e crescono i personaggi ed anche le idee e situazioni. La seconda serie è una rivisitazione senza niente di particolare come la terza se non per qualche puntata molto divertente.

Tirando le somme. La serie dovrebbe chiamarsi Sheldon Cooper visto che il resto è quasi nulla. L’ho trovata un bel modo per passare il tempo con qualcosa di interessante e divertente. Mi piacerebbe riguardarlo tutto senza le risate di sottofondo. Non ti cambia la vita quindi se vuoi passare il tempo va bene ma niente di più.

Morale della serie: se ti ubriachi fai sesso.

Scena più bella: sasso carta forbice lizard spock.