Povero Silvio!

Silvio Berlusoni afferma:

Sono stato vittima per molti mesi di una campagna di stampa che è stata probabilmente la più aggressiva e calunniosa di quante ne siano mai state condotte contro un capo di governo

Poveretto… ma proprio la peggiore? Non pensate sia esagerato?

Papaveri e Papesse

In Germania, a capo della Chiesa protestante, è stata eletta per la prima volta una donna. La Chiesa evangelica tedesca ha così la sua papessa: è una signora sulla cinquantina di nome Margot Kaessmann con quattro figli e un divorzio alle spalle. La notizia della sua elezione a capo di un organo spirituale ha sorpreso molto la Chiesa cattolica. Ma in realtà si tratta solo di un vecchio film (molto vecchio) già visto.

Continua a leggere

Lezioni di Storia

La realtà a volte supera la fantasia. I personaggi reali, a volta, si comportano anche meglio di quelli dei libri. A titolo di esempio, oggi vi voglio raccontare una storia che per la sua assurdità sembra presa da uno di quei libracci di serie B: i personaggi sono stereotipati e i colpi di scena, spesso assolutamente spiazzanti, sono degni di uno sceneggiatore con tanta fantasia ma senza i piedi per terra.
Procediamo con ordine: per iniziare ci serve un luogo. Diciamo che il luogo dove si svolge la nostra storia è nel vicentino. Una scuola di Vicenza. Come insegnano a scuola, all’inizio di ogni storia c’è un evento che turba una situazione di iniziale tranquillità: diciamo che, visto che in questo periodo ricorre il ventennale della caduta del muro di Berlino, il fatto scatenante sia la distribuzione nella scuola di un opuscolo su questo fatto storico finanziato dalla regione. La nostra storia ha però bisogno di un cattivo: facciamo che l’idea di distribuire questo opuscolo sia venuta ad un assessore del centro-destra. Diamole anche un nome: Elena Donazzan. La nostra assessora, in quanto ex-AN (massì, così odia di più il comunismo), fa scrivere su questo opuscolo cose molto cattive sul comunismo e molto ambigue sul fascismo. E diciamo che i professori della nostra scuola (diamole un nome: chiamiamola “Rossi”, così si capisce da che parte stanno) siano in disaccordo con quanto scritto sull’opuscolo, e decidano quindi di inviare una lettera aperta ai giornali locali. La lettera è bella lunga, non voglio annoiarvi: ve ne scrivo solo i pezzi fondamentali, per farvi capire.

Continua a leggere

Mussolini – Fiore: destra estremamente hot…

Su il Giornale è apparsa una notizia bomba: la Presidente della Commissione Bicamerale per l’Infanzia (la Mussolini, che potete ammirare su una vecchia copertina di PLAYBOY) e Fiore, il leader di Forza Nuova, ripresi dal circuito di telecamere interne alla sede di FN a fare sesso. Secondo il Giornale degli oscuri figuri avrebbero tentato invano di vendere il filmino in giro. Un altro tentativo di ricatto.

Il Giornale accosta questa notizia a quelle riguardanti le Escort e Noemi. Infatti l’articolo inizia con una sibillina frase che lascia intendere allegri doppi sensi:

Vedi che ad innescare il ventilatore, gli schizzi giungono dappertutto e senza fine?

Continua a leggere

La ministronza

In questi giorni è uscito nelle fumetterie un fumetto intitolato “La ministronza”. Ne è protagonista un personaggio “ispirato” (per usare un eufemismo) alla nostra gggiovane ministra Giorgia Meloni, che nel fumetto diventa “Giorgia Mecojoni”. L’intento è satirico, ma i toni sono spesso esagerati e hanno causato uno sconquasso politico. Tutti hanno voluto dire la loro sul fumetto, e voglio riportarvi le dichiarazioni (tutte rigorosamente vere) dei maggiori politici. Visto che si tratta di commenti ad un fumetto ho preferito farli a fumetti. Continua a leggere

Avvocata penalista o peniena?

Gli avvocati sono una categoria poco amata. Basti pensare a due rappresentanti a caso della categoria: Ghedini e Taormina, e non sono necessarie ulteriori spiegazioni. Solo a vederli e sentirli parlare viene una incredibile voglia di andare in bagno o di prenderli a mazzate. Dobbiamo però essere onesti nel dire che non tutti sono dei cerebrolesi come i due citati. Esistono avvocati con un radicato senso di giustizia, pronti a tutto per i loro clienti. E’ questo il caso di un’avvocata “penalista” che ha preso forse troppo “alla lettera” il suo ruolo. Quest’avvocata è stata sorpresa ad avere troppo a che fare con il… ehm… pen… cioè… con la “situazione penale” del cliente. Al carcere milanese di Opera infatti una guardia penitenziaria, sbiricando dallo spioncino (un po’ come Alvaro Vitali dalle serrature dei bagni), ha sorpreso l’avvocata mentre “calippava” con il detenuto. Probabilmente non soddisfatto dallo spettacolo, forse non ci vedeva bene, è entrato di colpo nella cella. Lui voleva sicuramente solo partecipare o godersi meglio la scena. Ma la donna imbarazzata ha subito tirato fuori dal cappello (e niente dalla bocca?) una scusa geniale: “Mi era caduta la penna sotto il tavolo”. A questo punto la guardia, sentitasi presa in giro e non avendo più speranze di veder proseguire lo spettacolo, molto deluso, per vendetta ha fatto rapporto (ma non il rapporto che sperava lui). Ovviamente nel fatto non c’è nulla di penalmente rilevante (si vede che il pene del detenuto non era granché?) e l’avvocata è stata solamente sospesa dall’Ordine.

Povera avvocata, se solo avesse letto l’articolo che avevamo proposto qualche giorno fa avrebbe capito che lei è un’avvocata “penale” e non “peniena” e avrebbe evitato la figuraccia o cercato un lavoro più adatto a lei. Quel che è certo è che non vedo l’ora di avere problemi “penali” (e non mi riferisco a problemi di erezione…) per potermi rivolgere a lei.

FONTE

Donna barbuta… sempre vincente!

Parliamo di questa bella fanciulla nella foto.

Ha stravinto gli 800 metri femminili ai mondiali di atletica leggera appena disputati. La nostra Cusma ha affermato davanti alle telecamere di tutto il mondo “Io ho perso, ma Semenya è un uomo”. Scoppia il putiferio.

La Federazione sta indagando. Ci vuole circa un mese per stabilire il sesso di un atleta. Un mese? Io ci metterei pochi secondi… mani nel pacco e tutto risolto.

Continua a leggere