Twinkieeeeeees!

In Cina alla fine degli anni ’80 i giovani scesero in Piazza Tienammen contro il sistema comunista cinese. Chiedevano una svolta liberista: qualcuno riassunse, non senza suscitare polemiche, che i giovani reclamavano la libertà di bere Coca Cola.

Ora in America accade qualcosa di tanto simile e opposto da sembrare riflesso in uno specchio. I giovani chiedono una svolta anti-neo-liberista e si mobilitano per chiedere la nazionalizzazione dell’industria dei Twinkies.

Le società liberiste si stufano degli squali della finanza proprio come le società socialiste di stufano degli immobili (e immobilizzanti) notabili di partito. Ora, io trovo insopportabile il bisogno di Coca Cola e di Twinkies e dell’altra spazzatura commerciale che il capitalismo ci propina, e spero che verrà abbattuto a spallate di cultura e felicità (bah), ma nel frattempo resta fermo il diritto individuale di comportarsi in questo modo:

Continua a leggere

Annunci

Obamasessuale

Si è svolto in Cina l’Asia Adult Expo. Questa favolosa fiera ha presentato tra le varie zozze novità una che vi lascerà senza fiato (per gonfiarla): la bambola gonfiabile di Obama!

Avere l’occasione di fare l’amore con l’uomo più potente al mondo, grazie a questa sexydoll, diventerà facile quasi come quella di avere un’avventura sessuale con Berl… vabbè dai non lo dico… è una battuta scontata.

Ma torniamo ai giocattolini sessuali. Questo Obama gonfiabile va ad affiancarsi nei sexy shop del mondo ad altre trovate altrettanto interessanti:

Continua a leggere

Al suo repertorio mancava ancora questa…

PD: una rivoluzione italiana.

Il Partito Comunista in Italia è morto, parliamoci chiaro. Non esiste quasi più. Le uniche forze italiane di sinistra di governo sono il PD e l’Italia dei Valori, che di sinistra non hanno quasi niente.

Il Partito Comunista è morto in quanto partito di governo capitalista. La gente ha smesso di votarli quando si è resa conto che anche loro tutto sommato sono uguali agli altri, troppo simili nelle strategie di partito, nel modo di sedersi sulla poltrona, di aggrapparsi ad essa e da lì fare promesse…

Adesso se volete potete votare PD o Italia dei Valori. O magari Silvio. A voi potrà sembrare assurdo, ma questo è il segno di una imminente rivoluzione. Tutto questo infatti ricorda un po’ quel che successe in Russia nel 1917 o anche in Chile nella seconda metà degli anni ’60.

Continua a leggere