Il più grande italiano di tutti i tempi

Ed ecco che mamma RAI fa partire la trasmissione cultural-trash più insensata che si sia mai vista. Il risultato è quasi simpatico a detta di molti, ma l’idea è degna di un film degli Squallor (Uccelli d’Italia o Arrapaho, fate voi).

Il programma funziona così: Facchinetti Jr è il presentatore, Martina Stella la vacca stragnocca, mentre la giuria è composta da: Sgarbi (intellettuale borbottone e urlatore), Mara Venier (boh!), Buttafuoco (chi?), Giulia Innocenti (chi?), Tinto Brass (ah, questo lo conosco).

In ogni puntata alcuni grandi italiani saranno messi a confronto, con tanto di scheda tecnica, e la giuria di volta in volta ne eliminerà alcuni. I confronti sono a gruppi di 3 (alla fine dovran essere 50, anche se non è multiplo di 3, ma poco importa, la matematica non c’entra niente con la cultura. Al massimo se ne renderanno conto all’ultima puntata).

Vi riassumo l’accaduto.
Continua a leggere

Annunci

We all kiss panties

erlusconi e le mutandine da donna

E’ uno strano piacere quello provocato da una mutandina femminile, difficile da spiegare. Tutti ne siamo un po’ affascinati, dobbiamo ammetterlo. Le nostre mutande sono brutte, con un mollone antiestetico e il pacco in bella vista, con i pelazzi che fan capolino, blahhhhhhh…

Le mutandine delle donne invece sono un’altra cosa. Non posso non tirare un sospiro da innamorato pensando a loro. Ma poi basta, mi fermo qui. Mi piace scherzare sul mio blog ma mica sono un pervertito, io.

La perversione mutandofila è tremenda. Chi ne è affetto può perdere il senso della realtà in qualunque momento e iniziare a sognare perizomini rosa. Non si può scherzare con i perizomini rosa: quando ti catturano sei fritto. Ti alieni dal resto del mondo con la bava alla bocca. Può accadere mentre studi, mentre guidi, mentre fai la doccia (e il flessibile diventa all’improvviso inflessibile), può accadere ovunque… addirittura a Bruxelles mentre parli dell’imminente summit di Copenhagen con Gordon Brown, Sarkozy e compagnia bella.

Continua a leggere

Le monde di monsieur Berlusconi

Silvio perdonaci! E’ da un po’ di tempo che ti stiamo trascurando. Proprio te che con le tue generose performance ci hai sempre permesso di mantenere in vita questo blog. Già. Quando tutto stava per finire, quando il mondo scorreva placido e tranquillo senza offrirci alcuno spunto, quando questo blog è stato vicino alla chiusura per assenza di notizie, TU ci hai sempre risollevati dalle nostre ceneri con una delle tue geniali boutade.

Devi perdonarci, e sappiamo che dall’alto della tua Grandezza lo farai, se in questo periodo ci siamo fatti prendere da demoniache passioni come il sesso fra animali o da perverse ricerche sulla lunghezza del pene (che certamente tu saprai apprezzare). Non siamo però i soli ad avere questo enorme debito nei tuoi confronti. Ormai anche la stampa, nazionale ed estera, campa sulle tue imprese. Così quei bastardi porci comunisti di Le Monde hanno pensato di sfruttare la tua lungimirante visione del mondo per farsi pubblicità.

Italia 7 – Il televideo

Uno dei miei primi post è stato proprio su Italia 7 e i suoi meravigliosi film trash. In quel post feci cenno anche al suo fantasmagorico televideo “rosso sesso” che,  come aveva sagacemente osservato la nostra amata giraffina, si è mutato in “azzurro” per cause di forza maggiore (a Italia 7 si sanno tenere al passo coi tempi). Cambia il colore ma non la qualità. Qui vi propongo alcuni dei principali annunci che vi potete trovare, da pag. 500 in su sono tutti su questo stile. Attenzione che gli annunci NON sono per palati fini!

Continua a leggere

Palla pesante – I risultati

Qualche giorno fa abbiamo dato inizio ad un’importante ricerca scientifica, finanziata da uno dei tanti fondi europei (finanziano cani e porci che si lasciavano sfuggire un’occasione del genere?). Oggi siamo pronti per la lettura e interpretazione dei dati in nostro possesso. Prima di proseguire vi ringraziamo calorosamente per la vostra partecipazione. Siamo commossi dal contributo che avete dato alla scienza per risolvere l’annosa (ma non anosa) questione della palla più pesante. Ricordiamo infatti lo scopo della nostra ricerca: scoprire qual è il testicolo più grosso e posto più in basso nel corpo umano e dimostrare che è lo stesso per tutti quanti.  Ecco i dati definitivi:

Qui di seguito riportiamo una precisa analisi dei dati.

Continua a leggere

L’Italia che Odia

Noi siamo l’Italia che ama, loro sono l’Italia che odia.
Silvio Berlusconi

Son capitato per caso sullo spazio azzurro del sito del Pdl (una specie di bacheca per esprimere liberamente il proprio pensiero), che ci governa con tanto amore e tanto affetto. Purtroppo l’Italia che odia intacca anche l’azzurro libertà di Silvio e lo inzozza con insulti e parolacce.

Come in ogni sito trasudante amore, anche in questo vige una stretta e caritatevole censura. Gli occhi puri e innocenti dei popolani della libertà non possono essere contaminati con queste mostruosità. Si accettano solo messaggi pieni d’amore.

In più però esiste una pagina in questo sito destinata ai commenti più marci e fetenti. I peggiori insulti che vengono rivolti a Silvio vengono presi ed esposti al pubblico ludibrio. Io adoro questa pagina. I censori pensano di umiliarti, ma non sanno che venire censurato da Silvio ed esposto in piazza per questo equivale a vincere una coppa… a essere un eroe della libertà di stampa, un manifesto per la dignità della parolaccia, entusiasmante come una pisciata dal balcone in un giorno di pioggia, come una mano morta subìta, come una scorreggia silenziosa in ascensore.

Continua a leggere

Noemi e il mistero del Bettino fantasma

Da quando il blog è nato non fanno che arrivare centinaia (ma che dico centinaia… migliaia!) di utenti sul post su Noemi chiedendosi:

Ma Noemi è figlia di Berlusconi o di Craxi?

Si è deciso dunque di accontentare questi curiosi, sfruttando il look-alike-meter del sito my-heritage.

Questa opzione, molto potente, permette di confrontare un volto a quello di altri due, per vedere a chi somiglia maggiormente. Molti lo utilizzano per vedere se un bimbo assomiglia di più alla mamma o al papà.

Noi abbiamo deciso di controllare se Noemi assomiglia di più a Silvio o a Bettino.

Il risultato?

Continua a leggere