εγώ, Epicuro

Epicuro credeva che l’Atarassia fosse la via per raggiungere il piacere (Cit. “non alludiamo ai piaceri dei dissoluti o a quelli dell’ebbrezza, …, ma al non aver dolore nel corpo né turbamento dell’anima”). Partendo da una accurata e oggettiva conoscenza del mondo, e soprattutto dallo studio delle scienze naturali, egli mira alla semplice eliminazione di tutti i possibili turbamenti. L’uomo epicureo deve limitarsi a provvedere ai propri bisogni naturali (mangiare, dormire), a soddisfare qualunque eventuale desiderio umano non necessario (chenneso, far sesso, mangiare bene e con abbondanza, bere vino), e ad allontanare i desideri vani (potere, ricchezza, …). Non c’è morale che tenga (se gli dei esistono, sono in una condizione di beatitudine e non si curano delle vicende umane e del nostro comportamento: noi siamo totalmente liberi di vivere come vogliamo!), e non c’è paura a frenarci (i dolori non sono che passeggeri, e il timore per la morte è assolutamente infondato, dal momento che non la possiamo provare – quando lei è arrivata noi non ci siamo più).
Continua a leggere

Mediaspy

Si è conclusa la vicenda giudiziaria che ha fatto seguito al famoso Lodo Mondadori e a quella che negli anni ’80 fu battezzata guerra di Segrate (lo scontro tra Berlusconi e De Benedetti per il controllo di Mondadori). Guerra tremenda, combattuta a colpi di acquisizioni, politica e corruzioni… Come ben sapete un impavido giudice ha condannato Fininvest e compagnia bella a una multona di 750 milioni di euro.

L’impavido giudice in questione è il signor Mesiano. Si sa invero che il confine tra coraggio e stupidità è molto sottile… e Mediaset ha deciso di spiare e pedinare Mesiano per svelare la sua insanità mentale. I giornalisti in questione han scoperto delle cose assolutamente gravi sul conto del giudice, ovvero:

  • fuma
  • aspetta il proprio turno dal barbiere passeggiando
  • ha mocassini bianchi e calzini turchese

Queste rivelazioni han fatto gridare gli equi mediasettari allo scandalo, alla stravaganza, alla stranezza. Mattino 5 ha pubblicato un video nel quale mostra Mesiano, pedinato e ripreso di nascosto, mentre passeggia e si gode i propri imperdonabili vizi!

Il servizio io l’ho visto… è delirante! Ricorda in maniera imbarazzante la scena de “Il mostro” di Benigni nel quale il commissario guarda i filmati che riprendono il protagonista e li interpreta.

Perciò ho preparato con le mie manine questo fantastico video (mischiando i due filmati) tutto per voi:

P.S. per l’obbligo, almeno morale, di rettifica della stampa, cito anche la risposta di Mauro Crippa, DG News di Mediaset, si difende così:

Non accettiamo bacchettate da chi negli ultimi mesi ha reso sistematica prassi giornalistica lo spionaggio a senso unico dal buco della serratura. Troppo comodo prendersela oggi con Brachino,  che mostra a passeggio per strada un magistrato che obbiettivamente ha acquisito notorietà nazionale ed internazionale, quando l’informazione giornalistica e’ dominata da curiosita’ assai piu’ morbose.