Genetica

I piselli verdi sono meglio di quelli gialli, mentre quelli neri sono meglio dei bianchi.

Gregor Mendel, 1865

Ippaso legge Freud – Sull’amnesia infantile e sul ciucciarsi il pollice

Eccoci all’appuntamento della serie Ippaso legge Freud dedicato all’amnesia infantile e alla suzione del pollice. Se non lo avete fatto vi consiglio prima di tutto di dare un’occhiata al post di introduzione a questa serie di articoli.

Continua a leggere

Papaveri e Papesse

In Germania, a capo della Chiesa protestante, è stata eletta per la prima volta una donna. La Chiesa evangelica tedesca ha così la sua papessa: è una signora sulla cinquantina di nome Margot Kaessmann con quattro figli e un divorzio alle spalle. La notizia della sua elezione a capo di un organo spirituale ha sorpreso molto la Chiesa cattolica. Ma in realtà si tratta solo di un vecchio film (molto vecchio) già visto.

Continua a leggere

[Top of animal sex] O famo strano?

Ci sono diversi modi per l’uomo di approcciarsi al sesso. Spesso la Chiesa (e non solo) li condanna, spesso li si addita come contronatura, come devianze, perversioni. Ma per quanto l’uomo possa sforzarsi non riuscirà mai, nel sesso, a fare qualcosa che sia davvero contronatura. Ci piace pensare di essere così evoluti che possiamo tutto, possiamo sfidare le leggi del Creato, uscire dai recinti che un Dio aveva sistemato per noi. E a molti piace sentirsi “puri” solo perché non escono dal recinto, convinti che esistano solo due tipi di esseri umani giusti:

1) quelli che lui sopra che punisce con velocità e forza lei, e lei sotto in silenzio con gli occhi chiusi.

2) quelli che pensano che non farlo vuol dire essere casti e chiamano virtù la verginità. E magari vedono satana in ogni coscia scoperta.

Ma si sbagliano. Leggendo siti e sfogliando libri sugli animali ho trovato notizie sui tipi di accoppiamento più assurdi e impensabili. Secondo la visione ottusa e bigotta della morale Occidentale la natura sarebbe contronatura…

L’unica cosa davvero contro natura nel sesso è non farlo.

Continua a leggere

Ricerca Scientifica: da che parte vi pende

Ci siamo. La nostra ricerca è arrivata ad una svolta cruciale. Dopo aver dimostrato che normalmente gli uomini hanno la palla sinistra più grossa della destra, ecco un’altra vittoria genitale dei mancini: il pene tende a guardare a sinistra. Poche chiacchiere, ragazzi, i sondaggi parlano chiaro. Ecco i risultati (cliccare sull’immagine per ingrandire):

Continua a leggere

Ricerca scientifica: da che parte ti pende?

Importanti società produttrici di mutande ergonomiche sono venute a conoscenza delle nostre sorprendenti scoperte sulle palle maschili. Per chi non lo sapesse, un nostro studio ha rilevato che gli uomini non monopalla hanno la palla sinistra solitamente più grossa della destra. Le società sopra citate ci hanno già contattato per avere conferma dei dati e sapere di quanti centimetri la palla sinistra sia più in basso della destra. Naturalmente abbiamo venduto le informazioni sui vostri gioielli di famiglia ad un prezzo adeguato. Sempre queste società prima di mandare in produzione i mutandoni asimmetrici han bisogno di sapere da che parte vi pende il pistolino, e ci ha commissionato un secondo profumato sondaggio.

Molte volte mi sono attardato con conoscenti o con semplici passanti a discutere di quest’argomento: da che parte ti pende?

Ci sono leggende metropolitane che dicono che se ti pende dal lato sbagliato sei gay, se non ti pende beato te, che la pendenza è legata alla mano con la quale ti fai tutte quelle pippe… Tante, troppe leggende. Non le riporto tutte per non influenzarvi nella scelta della risposta.

Ora sarà la Scienza a sfatare o confermare tutti questi miti, attraverso un nuovo sondaggio.

Questo è uno studio serio, quindi toccatevi senza farvelo piacere, se siete indecisi toccatevi una seconda volta, ma resistete al piacere di toccarvi una terza una quarta e così via per non inficiare il risultato. Non vorrei ritrovarmi con un 100% di non-pendenze!

Breve guida sulla coltura dei piselli odorosi

Il presente articolo è composto esclusivamente da citazioni tratte da la “Compagnia del Giardino”, in particolare dall’articolo sulla Coltivazione del pisello odoroso. I miei commenti sono segnalati da appositi box gialli.

Mi riesce difficile scrivere dei piselli odorosi (Lathyrus odoratus) senza emozionarmi profondamente. Ogni volta devo cercare di contenere espressioni di esultanza nella descrizione della loro bellezza, o di passione per la loro mansuetudine, per i loro colori deliziosi e il profumo mielato.

Buongustaia… se ti interessa il mio è molto odoroso.

Ma se siete arrivati a questa pagina vuol dire che piacciono anche a voi,

Effettivamente ho raggiunto la tua pagina cercando su google “ho il pisello odoroso per colpa della formaggia” ma da qui a dire che la cosa mi piaccia…

La coltura dei piselli odorosi non è difficile, ma è insidiosa, e richiede cure e attenzione durante tutto in corso dell’anno.

Continua a leggere