Ridiventa straccio

Le proteste dei giovani dilagano in tutto il mondo. Non ho voglia di sbrodolare quassopra cercando di scrivere le mie opinioni, voglio solo farvi vedere la protesta che più mi ha colpito.


Avete ragione: dal video non si capisce una emerita minchia… ve lo spiego:

Alcuni attivitsti russi “antipovertà” sono saliti a bordo dell’Aurora, il glorioso incrociatore (ora museo) che sparò il colpo di cannone verso il Palazzo D’Inverno, dando il via alla rivoluzione russa del ’17. Han issato il Jolly Roger sul pennone, e con questo che garriva al gelido vento del Nord han sparato fumogeni rossi dalla bocca del mitico cannone.

Un gesto sicuramente carico di significato per i russi.

E come spesso faccio arrivo alla spiegazione del titolo. La bandiera dei pirati mi ha fatto pensare che questi ragazzi non avrebbero mai potuto issare la falce e il martello, che non rappresenta più le loro istanze  (nonostante il loro riferimento sia chiaramente alla Rivoluzione Comunista del ’17, con tutto quel che si porta dietro: la caduta dello Zar e “tutto il potere ai Soviet”…).

Gli indignados di tutto il mondo, a torto o a ragione, stanno percependo di non potere contare sul Comunismo/Sinistra_in_generale né su altro, e che non resta loro nient’altro che la pirateria (l’assenza di ideologia, di colore, di schieramento, di idea di fondo, di significato nascosto… solo la percezione nitida di “quel che va fatto”).

Da qui, accompagnata dalla speranza di un cambio di rotta (per restare in tema), ho citato nel titolo quella famosa poesia di P.P.Pasolini nella quale il poeta chiedeva alla Bandiera Rossa

ridiventa straccio, e il più povero ti
sventoli.

Non riusciremo mai…

… a uscire dalle crisi capitalistiche da destra.
Né a metter fine alle ingiustizie che affliggono l’umanità.
Da destra non potremo risollevarci per rimetterci in moto.

Non si può nemmeno salire su una bicicletta da destra!
(voi siete mai saliti in bicicletta dal lato destro? non credo… e se l’avete fatto probabilmente ora siete testimoni di una serie di insidie e di difficoltà assolutamente insospettabili).

La foto è un po’ fuoritema… ma parlando di insidie e di biciclette… sentivo quasi l’obbligo morale di copiaincollarla:
ochcio al sellino!

Un paio di foto

Oggi due foto che han fatto il giro del mondo.

Continua a leggere

Moratti e Pisapia

Eccoci dunque quasi giunti alle elezioni comunali. Durante il discorso di Beppe Grillo di appoggio al Movimento5Stelle di Milano, il comico genovese ha consigliato due video su youtube che mostrano quanto siano ridicoli i due principali candidati sindaci a Milano. Sono andato a cercarmi i due video, che vi propongo (e sono da vedere…):

1. Letizia Moratti:

Lei, la Moratti, che andava con due gorilla e un cameramen a scegliere gli abitini in un mercato, quelli da 5 euro. Lei che ha passato la vita da Gucci, porca puttana!

2. Giuliano Pisapia:

Pisapia, ahhhhh, Pisapia andava ai giardini col  megafono, c’è il filmato su youtube (andatelo a vedere: è la cosa più straordinaria che ho visto negli ultimi…) , col megafono, c’erano quattro pensionati seduti su una panchina, gli è andato a dieci centimetri col megafono, e diceva: “Ma noi vi vogliamo aiutare!”, e questi: “Ma ci sentiamo, che cazzo stai facendo col megafono!”

La volpe e il Capitale

Ci sono pochissimi documenti riguardanti Paolo Volponi su youtube, e questo mi dispiace.

Ho letto un paio di pagine di questo scrittore italiano del ‘900 (alcune lettere spedite ad un altro comunista dal cognome animalesco, Leonetti, pubblicate da Einaudi con il titolo “Il leone e la volpe”), e mi hanno colpito. Non le ho trovate sulla rete… e per proporle dovrei ricopiarle a manina, e non so se mai lo farò.

Ho scoperto però su youtube alcune sue parole sulle ragioni dello scrivere. Le condivido, le apprezzo, … e ve le metto a disposizione qui su palealvento:

P.S.

Ammetto di non sapere molto su questo personaggio, ma presto approfondirò la conoscenza.

Uomini e no.

Uomini e no, di Elio Vittorini. Siamo al tempo della Resistenza e i protagonisti sono dei partigiani milanesi. Enne2 e Berta sono innamorati (amore impossibile: Berta è sposata). Queste son le cose che Selva dice al triste Enne2 a proposito della felicità, spiegandogli come mai lei desideri che Berta molli il marito per scegliere finalmente lui:

Non possiamo desiderare che un uomo sia felice? Noi lavoriamo perché gli uomini siano felici. Non è per questo che lavoriamo?
Perdio! Bisogna che gli uomini siano felici. Che senso avrebbe il nostro lavoro se gli uomini non potessero essere felici?
Niente al mondo avrebbe un senso. O qualcosa avrebbe lo stesso un senso? Avrebbero un senso i nostri giornaletti clandestini? Avrebbero un senso le nostre cospirazioni? E i nostri che vengono fucilati! Avrebbero un senso? Non avrebbero un senso. Avrebbero un senso le bombe che fabbrichiamo? Niente avrebbe un senso. O avrebbero un senso i nemici che sopprimiamo?
No. No. Bisogna che gli uomini possano esser felici. Ogni cosa ha un senso solo perché gli uomini siano felici. Non è solo per questo che le cose hanno un senso?

Non ci avevo mai pensato. Selva invita Enne2 ad esser felice. Come può un uomo che non sa riconoscere la felicità, e non sa volerla per se stesso, combattere per la felicità degli uomini? Non faccio spoiler, ma dico solo che la storia darà ragione fatalmente a Selva.

Continua a leggere

Olààààààà

Buongiorno a tutti i “lettori” di Palealvento.

Piacere sono Pal9!

Che stuppa!

Sono lieto di essere qui con voi e ringrazio Ippaso per la calorosa accoglienza e tutte le cose su Vulcano, Mercurio e superman. Ciao speradisole!

Siccome le presentazioni le ha già fatte ippaso e siccome non voglio delineare un mio personaggio in modo da non indurre i lettori in tentazione spiego il significato di “che stuppa” e parlo di un fattuccio faccio una domanda e lascio una frase. Cercherò di continuare così anche nei nuovi post.

CHE STUPPA: termine coniato da un mio caro amico che mi è rimasto impresso da anni ormai, l’amico. Per capirci vuol dire “che figata” per i vecchietti, “bella zio” per i giovani tamarrini e “accipicchia” per i bambini (“appicicchia” tanto lo si legge uguale). Esempio: “oggi mi sono svegliato e il PD non c’era più. Che stuppa!”. Variazioni del termine: bella stuppa, stupposo, stupposissimo, oh stuppa oh (sempre per i tamarri).

Fattuccio. State seguendo cosa sta accadendo a Pomigliano d’Arco tra la Fiat e i suoi dipendenti? Si? Dove lo seguite? Spero non su Repubblica. Cosa succede? La Fiat propone un contratto in cui i diritti dell’operaio non esistono e con il loro bel sorriso ti chiedono: “Guarda io ti faccio la carità di darti un lavoro (cacchio chi non vuole 8 ore di fabbrica al giorno)però tu fatti sfruttare un pò! è un periodo di crisi, hai visto i cinesi come lavorano?”. Per fortuna ci sono i sindacati e la sinistra. infatti la Cgil e il PD accettano! BASTARDI! Accanto agli operari rimane la Fiom e la Sinistra a sinistra del PD, cioè la Sinistra. Qualcuno l’ha sentita la sinistra che si oppone? Se leggete Repubblica sicuramente no!

Frase figa: Piangiamo per il lamento di un uccello ma non per il sangue di un pesce. Beati coloro che hanno voce. (Ghost in the shell 2)

Domanda: Cosa cerchi in un film?

Alla Prossima! scià sciààà.