Elenco.

Ecco i film che ho visto nelle ultime settimane, più o meno nell’ordine di visione. Non ne faccio recensioni, ma se voi li avete visti… avrei molto piacere a leggere le vostre opinioni a proposito.

Continua a leggere

Annunci

Il Grinta

L’ho visto e provo a dire qualcosa – non vi preoccupate non essendo io un fan delle trame… non vi svelerò nulla. Premetto che a me i film non piacciono, qualunque cosa voglia dire questa affermazione.

Continua a leggere

Bella stronzata

Domenica sono andato al cinema a vedere Inception.

L’idea del film è: si può entrare nei sogni in particolare in quelli degli altri.

Bella idea! Cacchio con un idea così puoi tirare fuori qualsiasi cosa. Che ne so  un’Alice nel paese delle meraviglie o Il Barone di Munchausen. Puoi partire con la fantasia e non ti fermi più. Pensa a Bergonzoni che scrive un film così.

Peccato che il film sia americano. E non un film americano qualunque ma proprio un americanata con i fiocchi.

Quindi cosa trovate nel film?

Storia d’amore mielosa, psicologia spicciola, due cicche in modo che il film sembri colto (paradosso della scala) e azione (scontro a gravità zero).

Non c’è molta differenza tra questo ed un bel film porno devo dire. Serve sempre per masturbarsi…

A chi piacciono i film d’azione consiglio di andare a vederlo… Penso che potrebbe diventare il film preferito di un mio amico.

Per chi in un film cerca qualcosa tipo contenuti o linguaggio lasci perdere. I contenuti sono quelli elencati prima, di linguaggio neanche se ne parla.

Ho quindi inserito il film nella categoria “bella stronzata”.

Scià sciàààààà.

Il film di Bergonzoni

Ciao a tutti. Il titolo può essere frainteso con facilità. Non parlo di un film fatto da Alessandro Bergonzoni ma del film che lui vorrebbe vedere. In realtà non ne parlo e inserisco il video in cui lui ne parla. In realtà non inserisco il video inserisco lui direttamente. In realtà non inserisco lui ma uno che gli assomiglia molto e interpreta lui. In realtà non inserisco niente fa tutto da solo. In realtà non fa tutto da solo ma in coppia. In realtà non è in coppia ma sono almeno quattro o cinque. In realtà non sono quattro o cinque ma è una mega orgia. In realtà non è una mega orgia ma una festa del PDL.

Continua a leggere

Esattamente 25 anni fa… Fellini vs Berlusconi

Tratto da LaRepubblica del 21 maggio 1985:

ROMA – Federico Fellini ha denunciato al pretore civile di Roma l’ emittente televisiva “Canale cinque” per via degli spot televisivi che interrompono i suoi film programmati dal canale di Berlusconi. Il regista, assistito dagli avvocati Adolfo Gatti e Sotero Salis, sostiene nel ricorso all’ autorità giudiziaria che gli inserti pubblicitari nelle opere cinematografiche violano le norme che tutelano il diritto d’ autore e portano a una deformazione del prodotto con grave lesione della qualità artistica del film e quindi della reputazione professionale dell’ autore. I difensori di Fellini chiedono perciò al pretore di ordinare a “Canale 5” di mandare in onda i film del regista senza interruzioni pubblicitarie. Questa iniziativa, sottolineano gli avvocati del regista, servirà a tutelare i diritti degli autori contro i sistemi di pubblicità adottati dalle Tv private.

Tra il luglio e l’agosto di quell’anno la sentenza, che dà ragione “in teoria” a Fellini, ma “in pratica” a Silvio. Le prossime citazioni sono riprese da LaRepubblica del primo Agosto 1985:

Il livello artistico dei film di Fellini è fuori discussione ed è comprensibile la denuncia dell’ assoluta illegittimità di qualunque modificazione del ritmo narrativo delle opere universalmente riconosciute come capolavori, ma è anche vero che in questi ultimi tempi si è verificata da parte dei telespettatori una vera e propria assuefazione al fenomeno degli intervalli.

Insomma: “Ah Fellì, ormai la gente si è abituata”. Si dice che Berlusconi abbia anche commentato che in fondo in fondo le pubblicità che propone Canale5 sono anche più belle dei film di Fellini.

Ma il regista non ci sta e annuncia battaglia. Anche perché questa assuefazione agli intervalli lo preoccupa. Io evito di agigungere sterili commenti e vi lascio con la replica del buon F.F., senza interruzioni pubblicitarie:

Questa sentenza mi ha stupito. Non discuto. Giuridicamente sarà anche fondata. Ma, nella realtà, non lo è. Perchè non prende abbastanza in considerazione la violazione del diritto dell’ autore a veder rispettata l’ integrità dell’ opera. Un po’ come sancire un arbitrio. E poi: affermando che tanto ormai lo spettatore si è assuefatto al costume della pubblicità non vuol dire riconoscere ufficialmente il potere di plagio della televisione? Avanti di questo passo può darsi che inseriscano qualche spot anche nella lettura delle sentenze, nei momenti più drammatici. Insomma: ho intenzione di andare avanti. E non solo per me.

Scusa ma ti voglio ritoccare

Miiiiiiii che burlone che sono!
raul bova e quattrociocche: scusa ma ti voglio scopare. la storia di un maniaco timido
raul bova e quattrociocche: scusa ma ti voglio spostare. la storia di un magazziniere innamorato.

La Planète des Singes

Le scimmie stanno costruendo i primi archi e le prime frecce per cacciare. Presto ci muoveranno guerra.