21 grammi

Mi è capitato una volta, contravvenendo a un precetto di San Paolo, che il sole tramontasse sulla mia ira. Anche se dire ira è esagerato – ero solo un pochetto arrabbiato – questo fatto resta comunque un evento assai raro, visto il mio carattere mite. Quella sera il letto si ruppe sotto al mio peso: la congiunzione tra il corpo del letto e la gamba in fondo a destra cedette.
Continua a leggere

Annunci

7000000000

Digitando su Mathematica

ListLinePlot[{{-10000, 1000}, {-9000, 3000}, {-8000, 5000}, {-7000,
7000}, {-6000, 10000}, {-5000, 15000}, {-4000, 20000}, {-3000,
25000}, {-2000, 35000}, {-1000, 50000}, {-500, 100000}, {1,
200000}, {1000, 310000}, {1750, 791000}, {1800, 978000}, {1850,
1262000}, {1900, 1650000}, {1950, 2518629}, {1955, 2755823}, {1960,
2981659}, {1965, 3334874}, {1970, 3692492}, {1975,
4068109}, {1980, 4434682}, {1985, 4830979}, {1990, 5263593}, {1995,
5674380}, {2000, 6070581}, {2005, 6453628}, {2010, 6891008}}]

quel che ne esce fuori è un bellissimo grafico (le x indicano gli anni, le y le migliaia di esseri umani sulla faccia della Terra):


Mi fa venire in mente eventi tipo carica/scarica elettrica (anche se l’andamento grafico è differente). Dapprima la curva dell’elettricità accumulata sale sale sale: l’oggetto sembra potersi caricare di energia all’infinito. Poi all’improvviso la salita si spezza senza alcun preavviso, e si abbatte: è la scarica.

Un evento improvviso e “catastrofico” riporta l’oggetto a livelli sostenibili di carica elettrica.

Se ci pensate bene è un processo abbastanza comune: restando vicini a noi anche la rabbia funziona così, uno accumula accumula accumula e poi sbrocca tutt’una volta. Vabbè, ora non c’è bisogno di arrabattarsi a fare un elenco di paralleli ragionevoli né di rendere più esplicito di così il paragone, iniziando a profetizzare guerre nucleari e apocalissi per l’umanità. Tanto avete già colto il nocciuolo.

Non mi resta che far gli auguri alla settemiliardesima nata al mondo (forse indiana, forse filippata, forse non è ancora nata ma manca poco) e segnalarvi un giochetto della BBC. Su questa pagina trovate un calcolatore in grado di dirvi che “numero eravate” quando siete nati, con un piccolo e ovvio margine di errore. Io l’ho provato e mi ha fatto un pochetto impressione… vabbè… provateci anche voi… buon divertimento!

I libri di Agosto e Settembre

Quando ad Agosto ho capito che non avrei avuto neanche un giorno di vacanza, sono andato a prendere due libri in biblioteca, e da allora (ri)presemi del piacere di leggere sì forte, che ancor non m’abbandona. Ecco in ordine i libri di Agosto e Settembre, se non ne dimentico qualcuno:

  • J.G. Ballard: La Mostra Delle Atrocità
  • P.P. Pasolini: Teorema
  • L. Bianciardi: L’Integrazione
  • Flann ‘O Brien: Il Terzo Poliziotto
  • E. Vittorini: Conversazione In Sicilia
  • P. Dick: I Guardiani Del Destino E Altri Racconti
  • P.P. Pasolini: La Divina Mimesis
Ottobre sta iniziando di nuovo con P.P. Pasolini (Ragazzi Di Vita). Nell’elenco ho messo solo i libri iniziati e finiti, ho escluso quelli che sto leggendo praticamente da una vita…
Se vi interessa qui sotto potete trovare le mie impressioni:

In che senso?

Ho letto in questi giorni su internet dell’illusione ottica della ballerina che gira. La domanda che i siti pongono è: in che senso gira? Orario o antiorario?

La ballerina in questione è questa:

Io la vedo chiaramente ruotare in una delle due direzioni. Pare che il verso sia legato a quale metà del cervello è predominante. Ovvero a quali doti siano più sviluppate in noi: fantasia o logica, sentimento o capacità di ragionare. Io ho il sospetto che si tratti di una cavolata, di una bufala… ma prima di cedere a facili conclusioni, attendo il conforto del sondaggio che ho deciso di proporre:

Allora, votate (il voto è anonimo, sicuro, gratuito, simpatico, eccetera eccetera):

Mentre votate (siate numerosi!!!), e nell’attesa di risultati univoci (ci vorranno 10-15-20 giorni suppongo) vi lascio con una illusione ottica miracolosa.

Continua a leggere

The man without a Navel yet lives in me

Il primo Adamo aveva l’ombelico? Perché?

E un uomo clonato avrebbe l’ombelico? O, più praticamente, i mammiferi già clonati in passato ce l’hanno?

Il criterio di compattazione

Treno. Pomeriggio. Tu sali alla stazione di nascita. Il treno è semideserto. Si riempirà, come sempre, alla stazione successiva, una manciata di minuti dopo la partenza.
Scegli la carrozza, con aria condizionata non sparata a palla. Ti guardi attorno. Ci sono i classici sedili posti a gruppi di 4. Molti ancora vuoti, ci sono ancora pochi passeggeri.

Ora, d’abitudine il passeggero tipo sceglie di sedersi lontano dagli altri, in un luogo isolato. Funziona esattamente come l’espansione libera dei gas: Joule (mi pare) notò che un gas, in uno spazio vuoto, si espande fino ad occupare il maggiore volume possibile (in modo cioè che le molecole siano lontane le une dalle altre). L’uomo sul treno si comporta da molecola di gas. Ed è un comportamento estremamente stupido. Ecco le varie ragioni:

Continua a leggere

La Planète des Singes

Le scimmie stanno costruendo i primi archi e le prime frecce per cacciare. Presto ci muoveranno guerra.